All the Sunset in a cup dei Departure Ave., tra indie rock e psichedelia anni ’60

Siete pratici di navicelle spaziali? In caso negativo, rispolverate i fumetti di fantascienza e i DVD di Star Trek, vi parlerò di qualcosa che LASSATE PERDE.

Venghino, siori e siore, nel magico mondo dei Departure Ave., un gruppo che si diverte a fondere l’indie con la sperimentazione del progressive rock fine anni ’60. Azzardato? Un po’. Bello? Oggettivamente bellissimissimo. Riuscito? Al 90%.

Mi accingo a descrivervi ciò in cui mi sono imbattuto. Il lavoro in questione è l’esordio del quartetto romano, chiamato All the Sunset in a cup. Che poi, quartetto; con i suoni che riproducono, sembrano essere nove o giù di lì! Ad un primo ascolto, mi hanno ricordato i Frankie goes to Hollywood, con quelle atmosfere ricercate e i virtuosismi che li caratterizzavano. I pezzi sono P-A-Z-Z-E-S-C-H-I, li farei sentire a chiunque pensi che non esce niente di nuovo da tempo: tempi dispari, synth godibili, voce suadente e mai invadente (tiè, ho fatto pure rima). 27B vola tra tempi in 5/4 prima e 6/4 dopo, Amarillo, TX potrebbe tranquillamente far parte della colonna sonora di Pulp Fiction, Unhappy Emily ha un riff bello incalzante, mentre Do you remember the Sun? sembra provenire direttamente da The Piper at the Gates of Dawn (ciao, Syd).
Ma dov’è quel 10% mancante? Ecco la stangata: il gruppo è troppo calmo, e ciò non è un male, ma un concerto con questa scaletta penso risulti alla lunga un po’ noiosa. A meno che voi non siate strafatti di LSD, ma questo è un altro discorso. Aspetterò di vederli dal vivo (14 febbraio, Circolo degli Artisti, La Tua Fottuta Musica Alternativa, volendo e volando) per confermare le mie preoccupazioni o smentire tutto con immense scuse.

L’ascolto merita, tantissimo, e ve lo dice uno che il progressive/ambient lo digerisce poco e male. Quest’album è un piccolo capolavoro (registrato benissimo, btw), sono sicurissimo che farà parlare di sé, ci scommetto la mia discografia di Chet Baker.

E.L.

 

 

Titolo: All the sunset in a cup
Autore: Departure Ave.
Etichetta: [autoprodotto]

580738_462034607193497_1261064520_nTracklist:

1. And revery
2. No conclusion
3. 27b
4. Unhappy Emily
5. Amarillo, TX
6. How we sang
7. Subway
8. Do you remember the Sun?
9. Call out the doc

 

 

 

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *