All Together Now: grande stagione e nuovi progetti

fotoArriva l’estate – o almeno così sembra. Le giornate si allungano e le cose belle che suonano bene si spostano in luoghi più freschi, grandi, che sono ancora più belli, che suonano ancora meglio e che allietano tutti coloro che, nel bene e nel male, si ritroveranno a passare i mesi più caldi in capitale.

Non vi sto per raccontare di ciò che succederà a Roma da qui a settembre (quello arriverà a tempo debito: presto) ma per riportarvi una piacevole chiacchierata che abbiamo avuto quei bravi ragazzi dell’All Together Now qualche mese fa e che, sebbene in ritardo, mi sembrava tempo di pubblicare.

Nello specifico si era a Locanda Atlantide con Gabriele ‘Blanda’ Blandamura ed era appena finita la 2 Hard Days’ Nights, i due giorni di musica eccezionale che hanno riassunto, in qualche modo, l’intera stagione che All Together Now ci ha regalato con le loro open mic di altissima qualità, sempre a caccia della musica vera e delle nuove sorprese dell’underground capitolino.

.

.

atn2CheapSound: Alla fine di una stagione come vi sentite?

Gabriele Blandamura: Sinceramente mi sento una bomba e non vedo l’ora di ricominciare! O meglio: sono vagamente stremato perché ogni serata è, nonostante la semplicità del format, un bel mazzo, però ecco devo ammettere che non è mai venuta meno la motivazione.

.

CS: Cosa vi è piaciuto, cosa no, di questo anno di ATN?

GB: Mi è piaciuta molto la crescita della serata, più che in termini di popolarità in termini di qualità della partecipazione da parte del pubblico e dei musicisti: piano piano, tutti stanno scoprendo che la faccenda è parecchio più interessante se al di là della propria esibizione si ascolta anche qualche altro gruppo.
Non mi è piaciuto soprattutto non potere partecipare a Labaro Rock: avevamo una delle tre serate ma un diluvio torrenziale ha trasformato il parco in una palude e non è stato proprio possibile montare il palco.

.

aaaaCS: Poteste tornare indietro, cambiereste qualcosa?

GB: Sinceramente niente di particolarmente significativo: ATN non è ancora esattamente come la sognamo, ma è un percorso graduale e siamo tutti convinti che la serata non avrebbe mai funzionato se fosse partita in maniera diversa. Ps: chi ci segue si avvelenerà, ma NON metteremo la gran cassa! Non ce ne vogliano i batteristi, ma 4 ore di musica elettrica no-stop in un locale come Le Mura sono troppo per chiunque!

.

CS: Le band migliori di questa stagione?

GB: Qui non posso che esprimere un parere personale. Non ti dico la mia band o il mio cantautore preferito di ATN, ma ti dico 3 gruppi che sinceramente non avevo mai sentito e che mi sono proprio piaciuti: Jonny Blitz, Difference, Suntiago. Menzione d’onore per i Kiss Me With Saliva: per me (glielo ho già detto tante volte) hanno un nome… diciamo problematico, ma dentro hanno La scintilla e quando suonano si sente.

.

2harddaysnightsCS: 2 Hard Days’ Nights è stata una figata. Come l’avete vissuta? Da dove è nata l’idea? Pensate di riproporle l’anno prossimo?

GB: Qui invece credo di parlare a nome di tutti: è stato faticosissimo, perché sia io che i due Alessandro abbiamo vissuto il festival sia da organizzatori che da musicisti. Però ovviamente poi portare a casa le serate con numeri che non ci saremmo mai sognati è stata una delle esperienze musicali più appaganti che abbiamo vissuto finora.
In realtà una serie di serate live che dessero più spazio ad alcuni gruppi protagonisti della ATN clasdica è sempre stata una delle evoluzioni naturali a cui pensavamo, ma nello specifico l’idea del festival ci è iniziata a girare in testa attorno a novembre: non siamo riusciti ad organizzare la cosa per Natale, ma poi abbiamo approfittato della prima occasione favorevole. Speriamo di riproporlo, magari con qualche variante. Chiudo facendo lo sborone: abbiamo un’idea che sinceramente troviamo tutti molto valida e, oso, davvero nuova, speriamo di trovare il modo di concretizzare la cosa.

.

CS: L’anno prossimo cosa succede? ATN prosegue? Ci saranno novità?

GB: Speriamo proprio di si! Nessuno di noi al momento di mestiere fa l’organizzatore di eventi (poi per carità mai dire mai), quindi è possibile che ci siano cambiamenti imprevedibili all’interno del nostro gruppo (ad esempio: metti che uno trova lavoro che ne so a Londra), ma comunque l’idea di tutti è quella di portare avanti il progetto. Come ti dicevo stiamo pensando a tante novità, ma soprattutto partiremo con l’idea di portare ATN a diventare esattamente la serata che noi abbiamo sempre sognato.

.

maryinjune2CS: Nell’immediato futuro – questa estate – ATN si farà vivo? Vi troveremo da qualche parte?

GB: Questo al momento proprio non lo so! In realtà anche gli eventi estivi dell’altranno (sia al Circolo degli artisti che a Supersanto’s) sono state delle occasioni non previste. Diciamo che ci stiamo guardando intorno con attenzione e che se dovessero esserci i presupposti valuteremo la cosa molto seriamente.

.

.

.

Detto ciò, facciamo a questi bravi ragazzi un in bocca al lupo immenso e, se in questi mesi estivi vedrete da qualche parte il mega plettro rosso, beh, non stupitevi. Non fatelo e basta.

.

R’n’R

.

GF

.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *