I Consigli Del Narciso #14 | Dischi sotto l’albero

Il buono del mese scorso, il buono a venire

Puntata pre-natalizia de I Consigli Del Narciso, la rubrica che porta sulle pagine di Cheap Sound ciò che di buono c’è stato nel mese appena terminato e punta un faro verso il buono a venire. C’è sempre un’immagine dei dischi che consiglio, o perlomeno di una buona parte di essi, e in coda un brano da ascoltare che anticipa qualcosa di gustoso che verrà (coming soon).

Passato il mese di novembre, sono andato a recuperare dei dischi davvero niente male che sono stati un po’ oscurati dalle chiacchiere Björk-centriche (lo dico tra parentesi: Utopia è soprattutto un album di Björk per Björk. L’artista islandese pare essere sempre più chiusa nel proprio mondo espressivo-compositivo, a tal punto da dare alle stampe album (stra)ordinari che sono in bilico tra genialità e noia. Utopia è un vestito bellissimo che poi rimane nell’armadio perché non sai mai in che occasione indossarlo).

Yombe – Goood è il debutto sulla lunga distanza di un duo italiano (ex Fitness Forever) composto da Alfredo Maddaluno e Cyen, che confeziona un disco bilanciatissimo tra soul ed electro-pop. E’ un lavoro breve – appena nove pezzi compresivi di quattro intermezzi strumentali – ma dal respiro internazionale, con atmosfere sempre avvolgenti prodotte con una cura certosina per i suoni e per gli incastri ritmo-voce. Un piccolo gioiello da mettere vicino, senza complessi di inferiorità, all’ultimo Bonobo.

Pauline Anna Strom – Trans-Millenia Music è una singolare operazione di ripescaggio-ristampa ad opera della “Rvng Intl” di pezzi pubblicati tra il 1982 e il 1988 dalla semisconosciuta musicista americana, cieca dalla nascita, innamorata della psichedelia. Le coordinate sonore sono quelle della musica cosmica/new-age, ma la sensibilità della sua autrice, coadiuvata da una particolare competenza sui sintonizzatori analogici, rende questo disco una delle più belle sorprese dell’anno.

Kuthi Jinani – Discarga Verde EP è il primo lavoro del produttore italiano che risponde al nome Giancarlo Brambilla, che in poco più di ventidue minuti fornisce una perfetta cartina tornasole sul qui e ora della musica cosiddetta bass. Nello spericolato percorso musicale proposto, si alternano sperimentazioni elettroniche tribaleggianti e umori idm riattualizzati al verbo della musica hd. Se questo è l’antipasto, aspettiamo con impazienza la prova su disco lungo.

Per quanto riguarda il mese di dicembre, è già uscito Finding Shore della premiata ditta Tom Rogerson-Brian Eno, dove il primo suona uno speciale pianoforte acustico – la pressione sui tasti e sui pedali è convertita attraverso sensori ad infrarossi in segnale digitale – il secondo processa il midi risultante. Si tratta di un disco che va oltre la pura sperimentazione tecnologico-musicale e risulta godibile anche ignorando il contesto produttivo in cui è nato. Un lavoro dicembrino sul quale invece siamo curiosi di mettere le orecchie è N.E.R.D.No_One Ever Really Dies ovvero l’atteso ritorno di una delle formazioni che per prime ha fatto convergere, in modo incredibilmente efficace, il mondo dell’hip-hop con quello del pop (i tre produttori coinvolti nel progetto sono, naturalmente, Pharrel Williams, Chad Hugo e Shay Haley). Il coming soon della puntata riguarda proprio loro, con l’aggiunta dello zampino di Rihanna.

Buone vacanze e buona musica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *