I Consigli Del Narciso#6 | Il ritorno!

cover-6

Il buono del mese scorso, il buono a venire

Avete temuto il peggio? E invece I Consigli Del Narciso sono tornati, sempre e solo, sulle pagine di Cheap Sound. Per farmi perdonare l’assenza dello scorso mese ho preparato una puntata speciale con il meglio delle uscite discografiche del bimestre ottobre-novembre, oltre naturalmente al consueto faro ad illuminare il buono a venire. C’è sempre un’immagine dei dischi che consiglio – o perlomeno di una buona parte di essi – e in coda un brano da ascoltare che anticipa qualcosa di gustoso che verrà (coming soon).

i-dischi-del-narciso-6

Leonard Cohen – You Want It Darker è stato il disco che più di tutti ha segnato l’ottobre 2016; un regalo inaspettato e allo stesso tempo un doloroso testamento artistico, considerato che il cantautore, poeta, scrittore e compositore canadese ci ha lasciati nel mese successivo alla data di stampa. Quello che rimane è un compendio prezioso alla sua discografia; un lavoro dove la parola scritta è importante quanto quella cantata, in un impossibile “groviglio ordinato” di suoni delicati e minimali – delle volte ci sono solo dei battiti a scandire il tempo – e cori a colorare un rigore classico senza tempo. Dentro c’è il primo Cohen e quello recente, in perfetta coesione.

A Tribe Called Quest – We Got It From Here… Thank You 4 Your Service è il ritorno di una delle crew più significative dell’hip hop – non solo americano. E’ un lavoro rispettoso del loro passato (ingombrante) ma anche un disco con i piedi ben piantati nel “qui e ora” della musica contemporanea. E’ moderno, stiloso ma non di moda – ed è una differenza sostanziale – ma soprattutto dentro ci sono le storie; una narrazione laddove in parecchie produzioni di oggi troviamo – ahinoi – solo ostentazione di sé. Recuperatelo e godetene oltre dal punto di vista ritmico e del flow anche da quello testuale. E’ uno dei dischi più a importanti di questo 2016.

Nightmares On Wax ‎- Ground Floor è un altro grande ritorno: quello di George Evelyn, un produttore che fa parte della Warp Records dal lontano 1989. Ma badate bene, lui incarna oggi il lato più psichedelico dell’etichetta, quello meno IDM e più “suonato”. La storia di Nightmares On Wax parla di musica house, techno sporca da rave ma anche di downtempo e funk; in questo nuovo EP si riprendono le fila del discorso con sonorità speziate ma decisamente virate verso la club culture. Disco saporitissimo.

Illum Sphere – Glass è un disco sfuggente ma anche un disco bellissimo. Dentro c’è la multiforme personalità di Ryan Hunn da Manchester a giocare con il minimalismo e la musica elettronica dall’essenza più o meno anni ’80. Rispetto al disco di debutto questo suo secondo album è meno ammiccante alla musica black e più orientato verso scenari fantascientifici; superato il primo impatto algido e un po’ straniante può diventare una perfetta colonna sonora per cuori solitari.

Romare – Love Songs: Part Two sta da tutt’altra parte rispetto al suono di Illum Sphere del quale vi ho appena parlato. Laddove lì c’è testa qui c’è cuore&sudore. E’ un disco nerissimo seppur realizzato da un bianco che gioca con la musica house, il breakbeat, il downtempo e il future jazz. E’ difficile stare fermi quindi si balla o, comunque, ci si diverte tantissimo. Dopo un debutto con i fiocchi si riprende il discorso aperto con l’Ep “Love Songs: Part One” uscito nel 2013. Dieci nuove tracce, dieci motivi per amare Romare.

Lo sguardo a quello che verrà ci porta direttamente a gennaio dell’anno prossimo con due dischi che si prospettano già gustosissimi: Bonobo – Migration e The xx – I See You. Del primo è già possibile ascoltare più di un pezzo in rete – qui sotto ne trovate uno – dai quali emerge un’anima pop-soulful davvero niente male oltre che la tipica andatura ritmica alla quale l’inglese, che risponde al nome di Simon Green, ci ha abituati (recuperate anche il suo precedente, bellissimo, disco “The North Borders” del 2013). The xx è ormai un marchio di fabbrica di qualità generalmente riconosciuto e in molti aspettano il nuovo disco di Jamie xx e soci che dovrebbe essere più luminoso rispetto al precedente Coexis del 2012. Quel disco li aveva consacrati come i nuovi Everything But The Girl, staremo a vedere cosa hanno in serbo per noi questa volta.

Il comig soon di questa puntata, come detto, è “Kerala”, il primo estratto dal prossimo disco di Bonobo in uscito il 13 gennaio 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *