Dente @Monk 18/11/2016

Un venerdì enigmatico sulle note di “Canzoni per Metà” con  Giuseppe Peveri

Venerdì scorso, 18 novembre, ho avuto il piacere di godere della musica di Giuseppe Peveri, meglio noto come Dente, in quella che è stata l’unica tappa romana del suo Canzoni per metà tour. Il nome, ovviamente, si deve al titolo del suo ultimo album uscito ad ottobre. Oltre a essere stata la sua unica data nella città capitolina, è stata per lui anche la primissima volta in cui ha calpestato e suonato sul palco del Monk.

Sorseggiando un bicchiere renano riempito con del vino bianco, Dente ci ha intrattenuti per più di un’ora e mezza, senza interruzioni. Accompagnato da bravissimi musicisti: Federico Laini al basso, Michele Carrara alla batteria, Mattia Pievani alla tastiera e alle percussioni e il polistrumentista Simone Chiarolini che si alternava con grande maestria tra pianoforte e chitarra, ha coccolato i suoi fan con un repertorio molto eterogeneo. Infatti ha percorso quasi tutta la sua carriera musicale interpretando diversi brani provenienti dai suoi album precedenti, accontentando così davvero tutti!

Dente è un artista diretto, che va al sodo e senza fronzoli, caratteristica che si evince tanto dalle sue canzoni quanto dai suoi live: intervallati da pochi dialoghi con il pubblico ma ai quali riesce sempre a strappare una gioiosa risata. E seppur durante “Noi e il mattino” si è divertito sparando coriandoli con una pistola, non ha bisogno di un eccessivo esibizionismo, no. Lui piace e conquista con la sua semplicità e il suo essenzialismo. Cosa non da poco, anzi!

Setlist:

Come eravamo noi

Canzone di non amore

Piccolo destino ridicolo

Canzoncina

Scanto di sirene

Chiuso dall’interno

Noi e il mattino

Fatti viva

Cosa devo fare

Coniugati passeggiare

Beato me

La settimana enigmatica

Baby Building

Senza Stringerti

Invece tu

Curriculum

A me piace lei

Quel mazzolino

Buon appetito

I fatti tuoi

Saldati

Cena di addio

Enclosure

Appena ti vedo

Giudizio universatile

Vieni a vivere

Foto di Chiara Mei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *