Generic Animal | Una chimera formato disco

generic animal

Generic Animal  è l’album omonimo d’esordio del giovane Luca Galizia, classe 1995, già chitarrista dei Leute. Dietro questo disco, un fitto intreccio di circostanze, conoscenze, simpatie ed intuito ha dato vita ad una vera e propria chimera.

L’album di debutto dei Leute, 9 Songs,  uscì per LEGNO, etichetta di Jacopo Lietti (Fine Before You Came) il quale – insieme ad Enrico Molteni, fondatore di La Tempesta Dischi – avvertì del potenziale in quelle tracce.

In Generic Animal più menti sono riuscite a mettere in moto questo organismo, permettendogli di vedere la luce attraverso una scrittura difficile da intraprendere ma ben riuscita, arrangiamenti semplici all’apparenza e una voce che si è adattata ad entrambi. Le parti anatomiche di questo “mostro mitologico” sono lo stesso Jacopo Lietti in qualità di autore di tutti i testi; Marco Giudici (Any Other e Halfalib) e Adele Nigro (Any Other) nel ruolo di co-produttori. Vi è inoltre la partecipazione di Alice Bisi (Birthh) e  MYSS KETA che hanno contribuito con le loro voci nella seconda parte del disco.

«Enrico c’ha messo i sordi, Jacopo c’ha messo le parole, io c’ho messo la testa de cazzo!»

Otto tracce per un totale di circa 23 minuti. Onesto.
La difficoltà, superata brillantemente, nella realizzazione di quest’album sta principalmente nel fatto che chi ha scritto i testi non li canta e chi li canta non li ha scritti. Adattare la scrittura introspettiva di Lietti, 40enne, ad un Luca Galizia 20enne, è stata una bella sfida. Alcuni testi parlano di Luca, altri di Jacopo, altri di entrambi: come ha dichiarato lo stesso Lietti in un’intervista per Noisey, il testo di “Broncio” è stato scritto per sua figlia, ma cantata da Generic Animal sembra dedicata alla sua ragazza o ad un suo amico. Analizzando bene, capiamo che Generic Animal ha adattato la sua voce creando metriche che portano l’ascoltatore verso meccanismi interessanti.

Testi nati prima della musica prevedono cambi di lettura, di velocità ed enjambement come in “Tsunami”. Ciò ha portato anche ad una visione hip-hop del disco, il quale presenta influenze pop, emo, jazz e soul. Gli arrangiamenti si basano contemporaneamente sul caos e la semplicità, opposti ma perfettamente studiati, rendendo il disco pieno di sonorità che si riescono a metabolizzare con il tempo.

Generic Animal è una piacevole contrapposizione data dalla coesistenza di più personalità, proprio come la chimera: persone che si ritrovano in un elemento unico e che non hanno paura di esternare emozioni attraverso una destrutturazione di suoni e melodie che funzionano. Un bellissimo progetto che vede coesistere elementi apparentemente negativi come la nostalgia, il rimorso e la paranoia, ma è la condivisione di questi che porta ad un’atmosfera tutt’altro che cupa, facendo sentire così l’ascoltatore compreso e meno solo nel mondo.

Generic Animal è uscito per La Tempesta il 19 Gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.