Maru | Un esordio a braccia aperte

Esce oggi Zero Glitter – il primo disco della cantautrice siciliana Maria Barucco, in arte Maru.
Dall’ukulele ad una rinnovata visione indie pop di un’artista senza veli.

Troppo spesso vediamo facce colorate, personalità costruite, sorrisi disegnati. Troppo spesso occhi vuoti e anime nascoste dietro falsi convenevoli. Ecco che una piccola scintilla pulita esce fuori dalla sporcizia: Zero Glitter, disco d’ersordio di Maru, ci abbraccia con le sue otto tracce che raccontano la vita quotidiana di una ragazza che, semplicemente, parla di sè.

Quanto è facile parlare degli altri, delle situazioni che ci circondano, della società e dei suoi movimenti, e quanto poco invece ci mostriamo per come realmente siamo. Queste le tematiche del disco composto da Maru e prodotto da Fabio Grande (Joe Victor, Colombre) per Bravo Dischi.

Gli arrangiamenti partono quasi sempre dall’inconfondibile ukulele, per poi evolversi in tessiture raffinate grazie a sintetizzatori e percussioni, che impreziosiscono le linee vocali della cantautrice. Linee con testi per nulla banali: «Le macchine vanno guidate da chi sa dove va» in “Dove Dormi“, «Parliamo sempre ma a bocca chiusa» in “Via Oberdan” e la prosa di ampie vedute di “Zero Glitter“, ballata che dà il titolo all’album.

E probabilmente è proprio questo di cui abbiamo bisogno: lasciarci osservare per ciò che siamo, e aprire le nostre porte con il rischio che questo comporta; ammettere che ci sono delle cose di cui non abbiamo bisogno; in una società frenetica che ci stimola anche troppo, dare spazio a noi stessi con serenità e senza progetti precisi; svegliarci la mattina e dire «amore buongiorno», con la tenerezza che ciò comporta.

Perchè forse è solo un pò più di questa tenerezza che serve al mondo. E tenera e leggera è Maru, che dopo il singolo “Giorgia” si affaccia sul mare della discografia italiana con un album per niente scontato, che si lascia piacevolmente ascoltare più volte e che ci invita a vivere la vita a braccia aperte.

Zero Glitter è uscito il 23 novembre 2018 per Bravo Dischi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.