Tre Allegri Ragazzi Morti | Un ritorno tra poesia e synth

Tre Allegri Ragazzi Morti

Sindacato dei sogni è il nuovo album dei Tre Allegri Ragazzi Morti, uscito venerdì 25 gennaio e presentato a mezzanotte del 24 alla Santeria Social Club di Milano con l’esibizione live – sold out – dei due singoli “Bengala” e “Caramella”.

Proprio quest’ultima apre le danze ad un album che rende omaggio al rock psichedelico e al movimento musicale Paisley Underground degli anni ‘80.

Registrato all’Outside Inside Studio di Volpago del Montello, sotto la supervisione e collaborazione del musicista e produttore Matt Bordin, Sindacato dei sogni è il ritorno al sound originale del trio di Pordenone, che con “Calamita” – seconda traccia dell’album – cattura l’attenzione dell’ascoltatore, successivamente trascinato dallo slide di Adriano Viterbini in “AAA Cercasi” e dalla pscichedelia onirica di “Accovacciata gigante”, tracce centrali del disco.

Le passeggiate nel bosco davanti allo studio di registrazione hanno accompagnato e ispirato le liriche di Davide Toffolo, ironiche e potenti. C’è l’elogio della città di Pordenone, la paura che condiziona le relazioni umane, la libertà femminile e col potere delle parole si può creare un paesaggio postbellico come in “Bengala” che, coi suoi suoni aperti, essenziali e con gli archi di Davide Rossi, rende il tutto un piacevole trip musicale.

L’album si riaccende sul beat danzereccio di “Mi capirai (solo da morto)”, per poi riprendere il filo conduttore del rock psichedelico – come in “Difendere i mostri dalle persone”, un testo dal sapore malinconico («Sarebbe bello anche se poi piovesse sempre») ma che esplode con animo deciso, ripetitivo e prepotente in tutta la sua vitalità e vivacità.

“Non ci provare” canta ancora la libertà dell’individuo in una contemporaneità confusa e caotica e ci accompagna verso l’ultimo brano dell’album, “Una ceramica italiana presa in California”, che omaggia definitivamente la scena americana e che è letteralmente una festa di synth, arpeggi, progressive ed elettronica che ricorda il sound dei Kraftwerk.

Suoni, voce e groove concludono l’ascolto di questo ottimo lavoro che rilancia i Tre Allegri Ragazzi Morti in un tour di 15 date che partirà dal Bronson di Ravenna il 16/02 e che li vedrà protagonisti anche all’Estragon di Bologna il 23/03, all’Hiroshima di Torino il 5/04 e si concluderà a Roma il 18/04 al Monk.

Dulcis in fundo: un plauso anche alla copertina del disco che raffigura tre gattini in ceramica col la tipica maschera disegnata da Toffolo. Creatività e classe.

Sindacato dei sogni è uscito il 25 gennaio per La Tempesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.