Fabbrica Ø pro Dominio Pubblico il 31 maggio al Teatro India

unnamed-3

fabbrica Ø come fare, produrre, progettare, trasformare, ispirare, far immaginare.

Onorati della partnership con Dominio Pubblico, festival multidisciplinare nato come strumento di indagine sulla creatività della generazione di artisti under 25 attivi nelle arti performative, vi presentiamo il progetto di Fabbrica Ø all’interno della manifestazione.

Ideato dal Collettivo NAVA nell’ambito della Business School de Il Sole 24 Ore di Roma e realizzato con gli studenti dell’11°Master in Economia e Management dei Beni Culturali e con la direzione artistica di Benedetta Carpi de Resini,  fabbrica Ø è un progetto trasversale e di collaborazione concepito per un solo giorno al Teatro India. Performance, opere video e installazioni nell’ex stabilimento industriale rinato come luogo di produzione di idee e di cultura. Il Teatro diventerà, per una sera, il centro di una riflessione sulla formazione e sul lavoro, sulla condivisione di idee e progetti ma anche sulla crisi e sulla forza della cultura come elemento aggregante, rilettura del presente e anticipazione del futuro.

  • Ore 17.00 – 18.00:  tavola rotonda sulle tematiche del lavoro.

Prenderanno parte: Antonio Calbi, direttore del Teatro di Roma; Alfredo Pirri, artista; Claudio Tucci giornalista de Il Sole 24 Ore, Gianfrancesco Vecchio professore all’Università di Cassino; Tiziano Panici, direttore artistico Dominio Pubblico e Giulia Masini, componente del Collettivo NAVA.

Il pubblico sarà invitato ad intervenire.

  • Ore 21:00 – 23:00: 6 artisti si alterneranno tra performance e video.

Apre la serata un breve monologo dell’attrice Giulia Fiume dedicato alle donne e in particolare a Silvia Tabacchi studentessa recentemente scomparsa.  Seguirà una performance nata dalla collaborazione delle artiste Elena Bellantoni e Mariana Ferratto, La Milonga Passo a Due, che indaga le dinamiche relazionali e i contrasti di potere all’interno della società: tra uomo e donna, tra pubblico e privato, tra cittadino e governante, tra capo e lavoratore. Filippo Riniolo, la cui opera è caratterizzata da un’analisi sulle comunità, le minoranze, il lavoro e il potere, presenterà un’installazione nel foyer dal titolo Cassandra, e una performance, ILVA.

Elena Mazzi, con la sua video installazione The Financial Singing, darà voce e canto emotivo alla crisi economica che tuttora incide sulle nostre vite. A concludere la serata Valerio Rocco Orlando con Quale educazione per Marte?, un’apertura verso il futuro, un’indagine sulla formazione e l’istruzione universitaria in diversi luoghi del pianeta.

L’obiettivo di fabbrica Ø è quello di recuperare il passato storico, celebrare il presente e immaginare il futuro del quartiere Ostiense – a partire da un edificio simbolo della zona – e offrire nuove riflessioni costituite da una contaminazione di linguaggi artistici contemporanei.

Il nostro consiglio è quello di non mancare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *