Festival di Musica sulle Bocche: manca poco all’edizione 2016!

Dal 25 al 28 agosto Santa Teresa di Gallura ospiterà uno dei festival più suggestivi dell’estate!

“La vita in Sardegna è forse la migliore che un uomo possa augurarsi: ventiquattromila chilometri di foreste, di campagne, di coste immerse in un mare miracoloso dovrebbero coincidere con quello che io consiglierei al buon Dio di regalarci come Paradiso”, diceva Fabrizio De Andrè.

Forse non è un sogno realizzabile, ma a fine agosto c’è un buon motivo per farci una capatina. Tra il 25 e il 28 agosto Santa Teresa di Gallura, piccolo comune paradisiaco lungo la costa nord della Sardegna, si tingerà di musica. La ragione è il Festival di Musica sulle Bocche, la rassegna internazionale di jazz ideata e diretta dal musicista Enzo Favata ed organizzata dall’associazione concertistica Jana Project.

Ormai alla XVI edizione vedrà la partecipazione di artisti tra i più rappresentativi del panorama contemporaneo: tra questi il sassofonista statunitense Tim Berne accompagnato dal chitarrista francese Marc Ducret , il pianista Antonio Faraò e un quartetto tutto americano con il sassofonista Chico Freeman , il quartetto del norvegese Nils Petter Molvaer, da molti anni ai vertici del jazz europeo più innovativo, e incursioni come sempre anche verso altri generi musicali: le percussioni dell’hang drum del duo britannico Hang Massive per l’attesissimo concerto all’alba sulla spiaggia di Rena Bianca, il flamenco del virtuoso chitarrista spagnolo Sebastián de la Estación, la musica popolare della Sardegna e i canti della Settimana Santa con il Coro a Cuncordu di Cheremule, la musica elettronica del duo inedito e tutto sardo composto da Saffronkeira ed Enzo Favata.

I concerti serali saranno accompagnati dalle proiezioni delle pitture digitali create in diretta dai QoeletPro ed il programma musicale sarà inoltre arricchito dalla proiezione del film Miles Ahead, appena uscito negli Stati Uniti, dedicato alla vita di Miles Davis.  E’ lo stretto legame tra musica e paesaggio la chiave del festival: i concerti si terranno nelle spiagge e tra i graniti scolpiti dal vento della Gallura, presso il Faro di Capo Testa, nel sito di Cala Grande, noto come Valle della Luna, nel santuario campestre di Buoncammino, oltre che nel caratteristico quartiere di Santa Lucia, sede dei concerti serali, dove verrà allestito anche il “Mercato MsB” della vita sostenibile, con degustazione di vini e cibo di qualità, ambiente, solidarietà e diritti umani. Accanto agli eventi di spettacolo, quest’edizione ha puntato al potenziamento degli aspetti “educational”.

santateressa2_1

Novità di assoluto rilievo è l’International Summer School of Architecture (http://www.europejazz.net/news/sounds-landscapes-architectures-creative-meeting), progettata insieme al Dipartimento universitario di Architettura, Design e Urbanistica di Alghero sul tema “ Sounds. Landscapes. Architectures”, rivolta a studenti e ricercatori per promuovere la ricerca e la creatività sul tema della relazione tra territorio, architettura ed eventi musicali. La “Summer School” si svolgerà dal 22 al 31 agosto a Santa Teresa Gallura e comprenderà laboratori, lezioni, incontri multidisciplinari tra artisti, docenti, studenti e abitanti.

Molto ricco anche il programma dei laboratori, rivolti a tutte le età e affidati a docenti di grande prestigio: il laboratorio su “Musica live e fotografia” guidato dal fotografo sloveno Ziga Koritnik; la costruzione di strumenti a corda da materiali di riciclo con il chitarrista e etnomusicologo Ignazio Cadeddu, il laboratorio di illustrazione “Jazz per immagini” , rivolto ai bambini e curato dall’artista sardo Toni Demuro, il laboratorio di Disegno del paesaggio guidato dall’artista rumeno Bogdan Lupescu.

13717486_10154428018686694_598148481897917436_o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *