Glamour e Nabokov parole dell’anno! Ma cosa significano?Il 2° album de I Cani ci salverà dall’ignoranza!

I Cani BandEccoci ancora di fronte al “fenomeno Cani“. Ne parlano talmente tanto e chiunque, che verrebbe voglia di non scrivere né leggere niente a riguardo. In effetti la voglia è anche quella di non ascoltarlo proprio il nuovo album Glamour, ma se ne può fare a meno? Ovviamente no.
E perché – visto che si sarà capito il mio parere negativo sull’argomento (non vorrei che sembrassi prevenuto quindi adesso motiverò i vari aspetti nello specifico) – sto qui a parlarne?
Perché dall’ascolto ne sono uscito non solo atterrito, come già mi aspettavo, ma anche abbastanza incazzato.
I Cani, con il loro primo album, mi avevano già destato un certo disgusto. Il loro indie pseudoelettronico ma allo stesso tempo “musicalmente trash” si mischiava alle loro parole facili e inutili, il cui unico scopo era di farci rivivere le classiche situazioni di ogni giorno, viste dagli occhi degli adolescenti di questi “malati” anni ’10.
È ovvio che a tutti, me compreso, diverta sentire parlare di Pariolini o del Pigneto. Il fatto è che anche tutte quelle parole e persone che vanno da “Lomo” a “Twee”, da “Vera Nabokov” a “Wes Anderson”, spesso sono messe lì con l’unico scopo di farle cercare su internet ai neofiti perché poi si sentano soddisfatti di essersi acculturati. Ma dietro? Dietro Vera Nabokov e Lexotan cosa c’è? Io non vedo niente. Però accanto vedo molte situazioni da “Facebook” a “Whatsapp”. Lui si che pensa a parlare di questi piccoli aspetti quotidiani! Ma lo fa con quella superficialità (ricercata s’intenda, non credo “il Cane” sia sciocco, anzi tutt’altro) che si limita al racconto e accompagnato da un “aggettivo risolutore”.
Qual’è la novità di questo secondo lavoro de I Cani?
Sicuramente musicalmente si sono fatti dei passi avanti. E’ innegabile che la prima traccia – Introduzione –, anche strizzando l’occhio al linguaggio di un Franco Battiato nel testo (naturalmente non arriva a quel livello di profondità), presenti interessanti cromatismi che, pur non  essendo troppo arditi (si tratta comunque di indie-pop), sono trattati nel lato dell’arrangiamento con una certa raffinatezza. Gli effetti elettronici di abbellimento, udibili al vertice della stratificazione sonora, sono presenti in molte tracce e piacevoli proprio come la famosa “ciliegina sulla torta”. Le linee vocali rimangono, come ne Il Sorprendente Album d’Esordio dei Cani: orecchiabili, ma povere, giocando spesso sul rimanere in quell’unica nota dopo il cambio d’accordo. Non escono dalla logica di queste canzoni quei ritornelli strumentali ossessivi e ripetitivi, come d’altronde è la maggior parte delle loro linee melodiche.
La batteria, acustica, aiuta la situazione di “fomento generale”, ma ora in modo meno rozzo.
Parliamo ora di una frase contenuta in Corso Trieste: “l’unica vera nostalgia che ho”, non tanto lontana da nelle intenzioni da una “loro sono gli ultimi veri romantici”. Quando si ripete una frase così tante volte “a loop”, almeno si faccia in modo che sia particolarmente significativa, mentre queste frasi qua più uno le ascolta di seguito, più si svuotano del significato. Continua, nella canzone in questione, la collaborazione con i Gazebo Penguins, dei quale mi fa piacere ricordare in questa sede la cover di Wes Anderson che, potenzialmente ho trovato geniale e fortemente ironica riguardo alla poetica spicciola de I Cani (anche se probabilmente non erano queste le intenzioni).
Inspiegabile anche il perché della scelta di un titolo per una canzone quale Storia di un Impiegato. Sanno tutti bene che è lo stesso titolo di uno degli album più famosi di Fabrizio de Andrè e che quest’arte del richiamo, a questo punto, nel caso di Niccolò Contessa (il cantante e l’autore dei brani), non è altro che pura e banale strategia. Se non altro è finita la ridicola tattica delle buste in faccia. Ormai sappiamo chi sono I Cani. Ci interessa? Poco, se non siamo dei quindicenni invasati. Loro (pluralis maiestatis) hanno sempre negato di avere avuto piani pubblicitari, ma non credo di avere mai creduto a queste parole; o almeno poteva essere così all’inizio, ma ora è veramente difficile continuare a pensarlo.
Il loro live (li ho visti un anno fa a SuperSanto’s) è molto migliorato. Sia le basi che la tecnica del cantato sono adesso qualitativamente alla pari delle versioni studio (si ricordi che hanno anche collaborato con Max Pezzali, artista di un certo calibro di notorietà!).
Mi sia permesso a questo punto di avere un piccolo apprezzamento per San Lorenzo che, insieme alla già citata prima traccia, risulta il brano più apprezzabile dell’album. La sua logica fin troppo didascalica ne è insieme la debolezza e la forza. Quell’essere allo stesso tempo una lezione di Geografia Astronomica e una discutibile dissertazione sull’arroganza dell’uomo nell’esprimere desideri il 10 Agosto (perché il grande universo dovrebbe pensare a noi, minuscoli puntini nello spazio infinito?).
Una traccia fantasma dal titolo di 2033 chiude l’album facendoci divertire. Ma, se non fosse stata una traccia de I Cani, non sarebbe potuta essere tranquillamente una di quelle “canzoni presa in giro” in romano del filone satirico che va da Brutta della Gnometto Band a Quanno i Romani Fanno Aò di DjCp?
Io credo di sì, ma siccome è de I Cani, allora è “geniale”, punto.

Alberto Piromallo

Glamour CaniARTICOLI CORRELATI
I Cani: due recensioni per Glamour!
Un prevedibile titolo per il secondo imprevedibile album de I Cani
articolo-ritorno-cani.doc
La sorprendente recensione de “Il sorprendente album d’esordio de I Cani”

Autore: I Cani
Titolo: Glamour
Etichetta: 42 Records

TRACKLIST
1 – Introduzione
2 – Come Vera Nabokov
3 – Corso Trieste
4 – Non c’è niente di twee
5 – Storia di un impiegato
6 – Roma sud
7 – Theme from Koh Samui
8 – Storia di un artista
9 – San Lorenzo
10 – FBYC (Sfortuna)
11 – Lexotan
12 – 2033

TOUR:

16 novembre – Pin Up, Mosciano Sant’Angelo (TE)
23 novembre – Urban, Perugia
29 novembre – Hiroshima, Torino
4 – 5 dicembre – Circolo degli Artisti, Roma
6 dicembre – Viper, Firenze
12 dicembre – Magazzini Generali, Milano
13 dicembre – Estragon, Bologna
14 dicembre – Demodè, Bari

2 Comments

  • Ciao!
    Per caso oggi sono capitata in questa pagina e ho letto il tuo articolo.
    Sono totalmente ignorante in fatto di musica, per cui voglio commentare solo nei limiti di quello che posso permettermi di comprendere e giudicare; però vorrei che considerassi ciò che penso a riguardo, perchè ritengo che ogni voce e ogni punto di vista diversi (quando bene espressi e sostenuti da tesi solide) possano solo arricchire.

    Perchè distruggerli così, i cani?
    Io ho 19 anni e mi piacciono perchè le loro canzoni parlano di cose che conosco e mi riguardano e che, da (non più tanto) adolescente, vivo ogni giorno in questi, sì, “malati” anni 10.
    Provo quasi conforto nell’ascoltare i loro testi: hanno quel non so che da “dai, lo supereremo insieme, ci siamo tutti dentro”.
    E perchè accusarli di superficialità? Piuttosto di leggerezza nell’affrontare certi temi senza risultare troppo seri o apparire saccenti.
    I Cani raccontano (esattamente come dici tu) paranoie, paturnie, pensieri e situazioni tipiche di chi vive la sua adolescenza in questo momento della storia e in questo luogo del mondo.
    Che poi le basi che accompagnano questi testi siano “facili” o altrettanto “leggere” non lo nego (anche se mi piace l’idea che testi non banali vengano accostati a basi semplici e non troppo ricercate).
    Anche io sono tra quei neofiti che sono andati a cercare su google mille nomi di tizi/cose (ecc…) mai sentiti prima e non trovo cosa ci sia di male; per esempio, ho iniziato a informarmi sui libri di David Foster Wallace (non ne ho ancora letto uno, però, mannaggia), ho letto Lolita di Nabokov, ho guardato film di Wes Anderson, ho cercato ovunque articoli in cui spiegassero in modo comprensibile cosa siano gli spazi di Calabi Yau, importunando anche amici vicini alla laurea in matematica sperando che potessero illuminarmi.
    Mi piacciono questi elementi, nei loro testi, messi lì apposta ( ne sono convinta ) per stuzzicare la curiosità e spingere a saperne di più. Poi, certo, spetta a chi ascolta, andare a informarsi e non fermarsi all’info spicciola di Wikipedia.
    Non trovo giusto non trovare qualità da salvare ne i Cani e buttare via tutto. La superficialità è ben altro (secondo me) e ne abbiamo tantissimi esempi!
    Chissà, forse se i quindicenni ascoltassero i Cani, anzichè gli One Direction, Fabio Rovazzi o chicchessia, ne uscirebbero un po’ più svegli e meno ignoranti (e magari nomi del genere non sarebbero più in cima alle classifiche (?) )
    Quindi ora smetto di tediarti e ti lascio! MA, mi piacerebbe sapere cosa ne pensi!

    (spero di non essere sembrata presuntuosa)

    • Oddio Arianna ho appena letto anche io questa recensione e sono completamente d’accordo con te! Anche io ho 19 anni e penso che I Cani siano un gruppo molto valido, specialmente se si guarda il panorama musicale italiano (elettropop/indie). Sebbene non ami Glamour tanto quanto Il sorprendente album d’esordio de I Cani che è il loro migliore album secondo me (Aurora lasciandolo stare), lo ritengo un buon album con Delle tracce tutt’altro che superficiali. Come Vera Nabokov, Corso Trieste, Lexotan e Sfortuna sono profondamente malinconiche, realistiche e il fatto che richiamino ad elementi abbastanza conosciuti secondo me l’intento non era scrivere canzonette per quindicenne dei Parioli. Questo però è la mia opinione, personalissima e discutibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *