I Weird. da oggi in “REVOLUTION – The Shoegaze Revival”, la compilation dell’underground internazionale

Revolution - The Shoegaze Revival

 

Trenta canzoni e trenta diverse band provenienti da sedici paesi del mondo. Si chiama “Revolution – The Shoegaze Revival” ed è una vera e propria compilation epica, dove l’Italia fa la sua bella figura con ben quattro band: Weird., Rev Rev Rev, Stella Diana e Clustersun.

È epica per più di un motivo. Perché per farla si sono unite due etichette lontane tra loro più di 11 mila chilometri: l’inglese Ear to Ear Records e l’indonesiana Gerpfast Kolektif. E poi perché è nata per unire virtualmente artisti underground provenienti da tutto il mondo sotto la rivoluzionaria bandiera di un revival shoegaze, il genere musicale “cugino” all’alternative rock. Se il 2014 è stato l’anno delle reunion di band come Slowdive, Swervedriver, Ride e Medicine, il 2015 è l’anno giusto per presentare al mondo la nuova generazione che sta scrivendo il prossimo capitolo dello shoegaze.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=fXSnLmg05mM[/youtube]

La tracklist della compilation “REVOLUTION – The Shoegaze Revival” è formata delle canzoni di band appartenenti ad una “first wave” dello shoegaze e altre che che rappresentano la “second wave” della scena. Tra loro ci sono i Weird., che sono così bravi che li hanno voluti nel progetto con il loro brano “Infinite Decay“.

Ognuna delle band è stata scelta esclusivamente in base alla dinamicità del suono, senza preferenze geografiche, associazioni con etichette, popolarità o hype. Sono tutte da non perdere, nessuna buttata là per caso. L’intero elenco delle band e della tracklist è disponibile sul sito dell’etichetta www.eartoearrecords.com da cui è possibile anche ascoltare la compilation in streaming oppure scaricarla dall’11 febbraio in free download.

 

G.A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *