La barba lunga è indie

Chi negli ultimi anni è andato a sentire più volte i Crookers  potrebbe avere notato un fatto curioso.

I Crookers sono  Phra (quello alto, sempre pelato) e Bot (quello più basso, col nasone). Bot è rimasto più o meno uguale.

Phra invece si è fatto crescere una smisurata barba da eremita. E con questa lunga lunga barba ha deciso di crearsi un alter ego indipendente dai Crookers, Luckybeard, e di fondare una casa discografica: la LuckyBeard Rec (chi non sa che cosa significhi forse deve smettere di seguire un blog che si chiama CheapSound).

Come ho scovato la LuckyBeard sinceramente non me lo ricordo, probabilmente seguendo le vicende di Phra e Bot in giro per il mondo. Di fatti è una delle case di musica elettronica più indie che sono riuscito a trovare.

E’ una scuderia di producers emergenti che fanno assolutamente quello che gli pare. Se i Crookers da quando sono nati hanno sempre fatto ciò che più gli piaceva senza sentirsi vincolati dalle aspettative del pubblico, la LuckyBeard è l’apoteosi della filosofia Crookers. Devo dire che è molto interessante, nonostante nessuno degli artisti mi faccia impazzire. Sono molto innovativi e sperimentali ed è probabile che abbiano azzeccato quello che sarà il sound in voga fra qualche tempo.Non posso parlare di tutti gli artisti che ne fanno parte, anche perché non riesco più ad accedere al sito, ma solo al blog, non so se per un problema tecnico o perché lo hanno chiuso.Comunque sono in disappunto, il sito era molto più bello.Mi focalizzo  su quelli che mi hanno colpito maggiormente.Digi G’alessio: già il nome vale i soldi dell’EP che ha appena finito. E’ in linea con quanto detto sopra, fa quello che vuole: tracce dai bpm più svariati, ritmiche molto complesse, e ci butta dentro un po’ di tutto dai kick tribali a gli snares in stile dubstep. Aggiunge vocal looppati e distorti. Devo dire figo, ma non so se riuscirei a reggere un suo dj-set per intero. Comunque è quello che mi sembra avere più margini, fra qualche anno se ne sentirà parlare parecchio. Da sentirsi: FI LI PI.


Dumbblonde:  Ha fatto tracce tutte prodotte da Luckybeard e ci rappa sopra insieme a Dargen D’amico e Luckybeard stesso. Lei,nella metrica, non mi sembra talentuosa e le basi sono abbastanza nude e crude, non troppo il mio genere. Nonostante ciò il risultato è una cosa che, presa per quello che è, funziona. Ha un qualcosa che diverte, per cui va bene.  Da sentirsi : La cassa spinge.
Luckybeard aka Phra: come rapper, la faccio breve, non mi piace, sarà per il timbro vocale, boh. Come producer è sempre fantastico. Si mantiene abbastanza sulle sonorità di Dr. Gonzo  e devo dire che nei pezzi si avverte distintamente  che si sta divertendo come un matto, cosa che in pochi riescono a comunicare. Da sentirsi: il remix di Ray-Ban Vision, davvero bello.

Donovans & Maelstrom: il loro I need EP è decisamente riuscito. Sono anche quelli  che fanno le cose un po’ più canoniche e meno pazze. Si mantengono su un tipo di elettronica che va abbastanza in questo periodo. Nell’EP, poi, ci sono anche remix di altri della Luckybeard family, ma i pezzi migliori sono i loro originali. Da sentirsi:  It’s Allright.Iin generale, anche per le tracce che non piacciono, bisogna riconoscere che tutti sono molto bravi a livello tecnico: l’effettistica, i riverberi, le distorsioni sono molto,molto belli. E’ un fattore comune, sono tutti degli ottimi sound engineers (espressione che detesto ma che qui andava usata).

La Luckybeard da l’idea di un piccolo garage in cui un gruppo di bravi giovani si mettono a suonare la loro musica ad alto volume, senza preoccuparsi dell’opinione dei vicini. Danno libero sfogo alla loro creatività e non si ispirano a nessuno. L’etichetta stessa non pare preoccuparsi troppo del grande pubblico, è indie e con un seguito di nicchia, e gli va bene così.Anche leggendo il blog si ha l’impressione che loro sono i primi a non prendersi molto sul serio.Sono convinto però che, fra un paio d’anni al massimo, sarà sulla bocca di tutti gli appassionati del settore, nel bene e nel male.V.B.Blog

Beatport

Facebook

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *