LIVE REPORT | Lexie live @Le Mura

Di band nuove di pacca ce ne sono sempre meno in giro.
Intendo: delle buone band nuove di pacca.

E’ il caso dei Lexie. Tre, da Roma nord, gente mai sentita, mai vista, quel tipo di persone con cui non hai neanche un amico in comune su Facebook – Aprilia Eventi a parte.

i Lexie sono tre e vivono nell’ombra

Me li sono ritrovati nelle orecchie per caso, una sorta di soffiata. Mi sono piaciuti e non poco, sono rimasto, quindi, in attesa di un EP, un disco, un live, un album da colorare.

Guarda un po’, qualche giorno dopo la “soffiata” me li ritrovo live a Le Mura, in quel di San Lorenzo.
A posto.

i Lexie come la C.I.A

Il palco è tutto blu. E quando dico che è tutto blu, intendo che noi avevamo dei neon blu sparati addosso, i componenti avevano delle luci blu avanti, dietro, ovunque, e tutti avevamo ai polsi dei bracciali luminescenti. Blu.

i Lexie sono blu

E insomma questi tre pischelli si mettono a suonare. Formazione: batteria (che mena tantissimo), chitarra e synth, voce e astronavi.
Quello che mi era casualmente arrivato era solo un germe di quello che i Lexie realmente sono: un ottimo mix di pop, rock ed elettronica di tendenza. Da quello che mi è parso di capire una sorta di Paramore (canta una ragazza), a cui leverete il punk, metterete un palese germe di post-hardcore made in U.S.A ’90 e aggiungerete un ottimo condimento modaiolo hipster.
Il risultato? Melodie che ti entrano in testa, canzoni di scrittura quasi ineccepibile, buon muro di suono e foto che riescono bene (vedi sopra).
E quindi: live fatto bene, buona presenza, appeal, belle canzoni. Forse un po’ inesperti, ma sicuramente gente che lascia il segno.

i Lexie lo sanno fare

Purtroppo spulciando nel web, tra pagine Facebook e similia, non troverete molto dei Lexie. Rettifico: non troverete nulla dei Lexie.

Non c’è un EP, non un disco, non un video. Parlando con loro credo ci sia roba in cantiere, roba figa, ma per ora i Lexie restano solo una bella sorpresa da scovare casualmente in giro per Roma.
Pagina Facebook QUI, così li segui.

 

Giulio Falla

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *