Arctic Monkeys | Le foto della seconda serata all’Auditorium

© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio

Alex Turner voleva solo essere uno degli Strokes. Molti di noi vorrebbero solo essere uno degli Arctic Monkeys. Per l’uscita del nuovo album, aspettavamo tutti l’ennesima hit, un’altra dose di “Brianstorm, ed invece è arrivato Tranquility Base Hotel & Casino: pianoforte ed influenze jazz compongono il disco più complesso mai registrato dalla band inglese. Ieri abbiamo ammirato il processo di crescita di un ragazzo di Sheffield, da Whatever they say that I’m that’s what I’m not, a questo nuovo punto di partenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.