AINE’ | Quel talento made in Italy tra sonorità nu-soul, hip hop e RnB

© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio
© Elisa Scapicchio

Un mix di nu-soul, hip hop e RnB: l’UNI-VERSO di Ainé live al Monk

Giovane e talentuoso, Arnaldo Santoro, in arte Ainé, è di certo uno dei punti di riferimento della nuova scena RnB italiana.

Cresciuto a pane e musica, dopo gli studi in alcune tra le più prestigiose scuole di musica a livello mondiale come la Venice Voice Academy di Los Angeles e la Bekelee College of Music di Boston grazie a una borsa di studio messa in palio dall’Umbria Jazz, e numerosi live di alto livello, (tra cui l’apertura a Robert Glasper al Locus Festival), lo scorso ottobre ha pubblicato il suo EP UNI-VERSO, progetto che mantenendo le radici soul si lascia contaminare dall’elettronica, conferma della maturità raggiunta da quest’artista.

Lo scorso sabato è passato al Monk regalandoci una serata di pura energia che lo consacra come uno degli artisti in ascesa da tenere sott’occhio. Ospiti d’eccezione Serena Brancale, una tra le principali personalità del nu-soul del panorama nazionale e Davide Shorty, la voce “nera” della Sicilia.

Ainé ci ha lasciato con una promessa, quella di un nuovo disco quasi pronto, e dopo UNI-VERSO abbiamo capito che la direzione è una, ed è quella giusta!

Appurata la sua bravura in campo musicale, abbiamo scovato un video della sua meravigliosa nonna che lo descrive anche come un “nipote meraviglioso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.