L’Officina della Camomilla live@Quirinetta 14/04/2016

Giovedì scorso L’Officina della Camomilla ha suonato al Quirinetta per presentare il nuovo disco, Palazzina Liberty

Capisci definitivamente che forse non ti trovi nel posto giusto quando, alla fine del concerto, senti una ragazza dire che il giorno dopo ha l’interrogazione di greco, e che non ha studiato niente. Ma, quasi certamente, prenderà 9.

L’altra sera sono andato a sentire L’Officina della Camomilla al nostro amato Quirinetta. La data ha fatto parte del Palazzina Liberty Tour 2016, col quale la band di Milano sta portando in giro il suo ultimo omonimo disco. Devo ammetterlo, mi aspettavo un afflusso molto più consistente per i creatori della hit, tra le altre, Un Fiore per Coltello, ma in realtà ad attendere L’Officina c’era un pubblico piuttosto esiguo. E devo nuovamente ammetterlo, è stata la prima volta che mi sono sentito un po fuori posto. Forse per la prima volta da quando vado ai concerti, ho fatto parte della porzione di spettatori sopra l’età media. Ed è stato strano, perchè non sono riuscito a divertirmi come si è certamente divertita la porzione sotto la/nella media. Un’oretta semi-abbondante tra pezzi del nuovo disco e vecchie conoscenze mi hanno fatto capire che la stra-grande maggioranza di coloro che si trovavano al Quirinetta ci sono andati per questa seconda categoria di pezzi. Cantati a squarciagola, urlati in faccia tra amici (amiche, più che altro) e ballati fino alla morte. Sui nuovi, mi è sembrato ci fosse una sorte di scetticismo e confusione generale da parte del pubblico. Ed è un peccato, perchè a mio avviso Palazzina Liberty è un disco molto più interessante dei vecchi. Soprattutto in termini di suoni e composizione.

Infatti ho apprezzato tantissimo il riadattamento di alcuni pezzi vecchi, trasformati e ricondotti alle sonorità di Palazzina Liberty. Primo tra tutti la celeberrima Morte per Colazione, rivestita di panni quasi post-punk.

In generale, comunque, il concerto è piaciuto. La gente si è divertita e la band regge molto bene il palco. Personalmente, li ho preferiti in altre occasioni. Ricordo dell’ultima volta che li sentii a Roma, e ricordo che l’esperienza fu migliore ed io mi divertii come l’altra sera si è divertito tutto il resto del pubblico.

Ma magari sono io che sto diventando vecchio, sigh.

l'officina della camomilla
L’autore verso la fine dello show

Foto di Elisa Scapicchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *