Piovono polemiche: sta arrivando Sanremo!

sanr

Eccoci, quasi a febbraio, che ci sia la pioggia o il sole, crisi o non crisi, fine del mondo o meno, ricominciano le polemica sul Festival di Sanremo. Un po’ in ritardo rispetto agli scorsi anni (c’era da aspettarselo visto che c’è qualcosa di più importante di cui discutere) ma sempre molto variegate!
In questi giorni infatti, il riconfermatissimo (per meriti o per mancanza di concorrenza?) Gianni Morandi ha diramato le convocazioni di big e giovani per il Festival della Canzone Italiana, il numero 62, e almeno il numero 20 dove la musica c’entra poco o niente.
Nelle liste dei big (le trovate in fondo all’articolo), vediamo subito qualche particolarità: chi sono questi BIG? A discapito del recente passato, non troviamo più una maggioranza di stelle cadenti, stelle cadute in rianimazione, o qualche cantantucolo di buona fama. Questo, sul modello di Tony Renis, è l’anno delle non stelle!
Oltre all’incognita – perdonate l’ignoranza – Nina Zilli, ritroviamo i nomi immancabili, insomma, quelli che aspettano metà febbraio per fare la comparsata al festival, ma di cui durante l’anno non se ne hanno le tracce: Noemi, Emma Marrone, Irene Fornaciari, Arisa, Francesco Renga e Gigi D’Alessio (lui al Festival ci va sempre come autore, quest’anno ci mette la faccia, anche se ce la poteva risparmiare) con Loredana Bertè (anche lei, da qualche anno, non la si vede più).
Anche qualche gruppo che un tempo lasciava sperare fra i Big del 2012: Marlene Kuntz, Matia Bazar, Samuele Bersani e Lucio Dalla con Pierdavide Carone. Questi nomi non ci lasciano indifferenti, bisogna vedere se è il festival che si è piegato a loro o viceversa. Infine non mancano, come di moda negli ultimi anni, un jazzista – Chiara Civello – e un “redivivo” Eugenio Finardi che da un annetto ha ricominciato a vedersi in giro per le tv, radio e piazze italiane (a partire da quella del Primomaggio scorso).
Ecco le polemiche. Come sempre la regola del Festival vuole brani completamente inediti. E’ l’unica regola che non è mai stata cambiata nonostante il mondo della musica sia mutato continuamente in questi 62 anni. Questa verginità del brano sembra mancare a Al Posto Del Mondo della Civello ed anche a Respirare di D’alessio-Bertè. A rischio eliminazione entrambe.

Ma le vere polemiche stanno su Sanremo Giovani. Di questa parte della kermesse molti ne parlano e pochi la vedono. Le hanno provate tutte le formule per far ascoltare i giovani a Sanremo, li hanno messi in prima serata, fatti “patrocinare” da grandi artisti, ma niente da fare, nessuno li caga.
O sbagliano gli artisti, o i selezionatori.
Così, Gianni il Bello (o, come alcune maldicenze vorrebbero, Gianni Il Coprofago) ha deciso di far scegliere la rete!
E la rete ha votato, peccato che poi, gli artisti li ha decisi comunque – pare – la dirigenza della Rai. Bah…
Sempre sui giovani, si è accesa una feroce lite fra Enzo Iacchetti e il buon Gianni. Iacchetti, che in questo periodo ha voglia di mandare affanculo tutti, vista l’eliminazione della figlia dal contest Sanremo Social, ha voluto dire la sua tramite Facebook: “Caro Gianni Morandi, sei proprio un ignorante di musica dei giorni nostri, sei rimasto alla Fisarmonica e adesso sei il capo delle giurie che scelgono i giovani per Sanremo. Avete fatto tu e la Rai questa porcata di Sanremo Social, per dare una possibilita’ agli ascoltatori del web (che stanno diventando fondamentali per il futuro della musica) di esprimersi con un voto verso le canzoni preferite. Bene le canzoni piu’ votate dal web non sono state prese. Non credi che facendo cosi’ non fai che alimentare il sospetto che sia gia’ tutto stabilito? Siete schiavi delle majors della discografia. Perche’ non lo ammetti? E’ gia’ tutto stabilito e voi prendete per il culo centinaia di ragazzi che scrivono molto meglio della vostra musica da buttare. In migliaia hanno speso soldi per farsi i video clip, per iscriversi alle accademie, arrivi tu e prendi i piu’ scarsi…”.
Che dire? Direbbe Nanni Moretti: “Te lo meriti, Enzo Iacchetti!”, ma noi, sto festival, ce lo meritiamo?
F.B.

Questi i big in gara. Ognuno degli artisti porterà anche un pezzo italiano “storico” in versione inglese, duettato con alcuni grandi nomi esteri. Anche qui polemiche: due cover di Battisti, infatti, quella di Noemi e di Emma Marrone, sembrano essere state “bloccate” dalla moglie di Lucio. Non è la prima volta che Grazia Battisti pone il veto, specialmente nel contest di Sanremo… Sarà comunque e con molta probabilità questo il lato più avvincente del festival, visti gli attesissimi artisti chiamati da fuori…sempre che Morandi non ci voglia deliziare con le sue conferenze stampa piene di statistiche, vincitori (quasi) sicuri, ecc…

Nina Zilli – Per Sempre
Duetterà con: Skye dei Morcheeba in Never Never Never (Grande grande grande)

Dolcenera – Ci vediamo a casa
Duetterà con: Professor Green in My Life Is Mine (Vita spericolata)

Marlene Kuntz – Canzone per un figlio
Duetterà con: Patti Smith in The World Became The World (Impressioni di Settembre)

Lucio Dalla e Pierdavide Carone – Nanì
Duetteranno con: Mads Langer in Anema e core

Emma Marrone – Non è l’inferno
Duetterà con: Gary Go in If Paradise Is Half As Nice (Il paradiso)

Samuele Bersani – Un pallone
Duetterà con: Goran Bregovic in My Sweet Romagna (Romagna mia)

Noemi – Sono solo parole
Duetterà con: Sarah Jane Morris in To Feel In Love (Amarsi un po’)

Matia Bazar – Sei tu
Duetterà con: Al Jarreau in Speak Softly Love

Gigi D’Alessio e Loredana Bertè – Respirare
Duetteranno con: Nina Hagen in Auf Der Welt (Piccolo Uomo)

Arisa – La notte
Duetteranno con: José Feliciano in Que Sera (Che sarà)

Irene Fornaciari – Il mio grande mistero
Duetterà con: Brian May dei Queen in I Who Have Nothing (Uno dei tanti)

Chiara Civello – Al posto del mondo
Duetterà con: Shaggy in You Don’t Have To Say You Love Me (Io che non vivo)

Eugenio Finardi – E tu lo chiami Dio
Duetterà con: Noa in Surrender (Torna a Surriento)

Francesco Renga – La tua bellezza
Duetterà con: Sergio Dalma in El Mundo (Il mondo)

Ecco, invece, la categoria dei Giovani, se non bimbi (Casillo ha 15 anni, da quando c’è stata Alina, Sanremo si confonde con lo Zecchino d’Oro), due dei quali vincitori di AREASANREMO (Bidiel e Io ho sempre voglia), e gli altri da Sanremo Social.

Giulia AnaniaLa mail che non ti ho scritto
Dana AngiIncognita poesia
BidielSolo Un Errore
Alessandro Casillo E’ vero
Celeste GaiaCarlo
Marco GuazzoneGuasto
Io ho sempre vogliaIncredibile
Enrica MouNella vasca da bagno del tempo

[banner network=”altervista” size=”125X125″ align=”aligncenter”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *