Libra: Sotto Pelle

LibraAlbum di esordio della giovane band di Roma Nord. Benché i Libra siano una band di primo pelo il lavoro svolto su Sotto Pelle, è egregio e preciso alla stregua di una band già bella che navigata, la direzione artistica in mano ad Antonio Filippelli (Volcan Records) si rivela vincente. Si parla di elettronica, di un’impronta nella musica più moderna che c’è, si parte dai sintetizzatori e si arriva alla batteria elettronica passando per chitarre elettriche, tanti effetti e una voce pazzesca che perfettamente trasduce le sensazioni della musica in parole. Il progetto è accompagnato nel suo sviluppo e promozione da ben due video.
La base è molto minimale e tutto ciò che si aggiunge alla voce di Iacopo Sinigaglia e ai suoi sintetizzatori riempie, ma non satura, gli spazi tonali dando beat e fluidità ai testi. Leccami è l’esempio più lampante con i suoni regolati ad hoc che creano un letto su cui rivoltarsi e rannicchiarsi ascoltando le melodie e la voce lenta e trascinata di Iacopo, la voce diventa suono a sua volta. Siamo nel bel mezzo di una rivoluzione musicale molto forte, si aprono nuove porte e nuove possibilità per ragazzi più o meno giovani come i Libra di esprimere emozioni graffianti, è il caso del pezzo Zoe accompagnato da un video molto intimo e ben misurato; o come in Vortice che imbambola chi la ascolta aggiungendo alla voce dei Libra quella di Fabrizio Martorelli (Loren).
Altro brano tradotto in video è La Calma, devo dire che dai primi ascolti non era una delle mie tracce preferiti dell’album, ma quando inizi a svegliarti la mattina con un pezzo in testa qualche domanda te la fai, ed è quello che mi è successo  con questo brano, l’elettronica è pacata ed il testo è un viaggio mentale che ognuno di noi compie in se stesso, forse il migliore tra i testi dell’album, mentre il video, solo un aggettivo: perfetto.
La stessa tracklist dell’album è curata alla perfezione, dal momento in cui si arriva alle tracce Morbida, La paura di Cloe e Buio immobile testi e beat diventano molto più viscerali e si spingono sempre più sotto pelle di chi li ascolta per restare lì in attesa.
Si naviga tra tutti i sentimenti e le esperienze che fanno parte dei giovani e della natura umana; tutto scritto sfruttando sintesi sonore e beat che creano nella stanza un ambient familiare e melodico al punto giusto, forse non è proprio il genere dei giovani del momento, ma i Libra rappresentano la porta d’entrata per chi è fuori e vuole conoscere qualcosa di nuovo, un nuovo modo di parlare e di fare musica.
Ogni traccia ha un testo che sorprende ed un beat che rilassa e scuote; live la resa è ancora un po’ acerba, ma i ragazzi sanno giocare le loro carte alla grande, li consiglio fortemente live per immergersi nel loro pubblico e nelle loro melodie. Voto: 7,5

Nino Yob

Sotto PelleArtista: Libra
Iacopo Sinigaglia : Voce, Synth
Gian Marco Ciampa: Chitarre , Synth
Alberto Paone: Beat
Federico Russo: Basso, Synth
Titolo: Sotto Pelle
Etichetta: Volcan Records

Tracklist:
1.Sotto Pelle
2.Zoe
3.Vortice (Feat Fabrizio Martorelli – Loren)
4.Non è Mai Per Sempre
5.La Calma
6.Leccami
7.Morbida
8.La Paura di Cloe
9.Buio Immobile
10.La Noia

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=EARdYRi6sv8[/youtube]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *