ANTEPRIMA! Giovanni Truppi: Il mondo è come te lo metti in testa

Giovanni TruppiSono passati tre anni da C’è un me dentro di me di Giovanni Truppi, un disco d’esordio a tratti sorprendente di un cantautore napoletano che ormai è entrato pienamente nel giro di Roma
Pochi giorni fa all’Angelo Mai (occupato), Truppi ha presentato il suo nuovo album Il Mondo È Come Te Lo Metti In Testa, che uscirà questo gennaio (VIDEO).
Lo show è essenziale, sorretto solo da Truppi (chitarre, voce, piano) e Marco Buccelli (batteria), e l’album, a differenza del primo, rimarca questa scelta, che tende a dare molta più importanza ai testi che alla musica. I testi in effetti sono il cavallo di battaglia di questo disco che è a dir poco esilarante. Giovanni Truppi scrive quattordici brani pieni di una comicità nonsense mai scontata e soprattutto quasi senza precedenti.
Truppi BuccelliTruppi è un autore che butta un occhio tutti quei cantautori spesso poco considerati dall’Olimpo della musica italiana, da Bennato (Edoardo) a Gaber, Gaetano Rosso conditi con un po’ di Elio e con una ‘cover’ di Gianfranco Marziano. Ma i riferimenti, se ci sono, sono vaghi, perché la sua comicità è molto particolare.
Così dopo un disco d’esordio ancora un po’ incerto, Il Mondo È Come Te Lo Metti In Testa palesa una scelta eseguita che era necessaria. Truppi recita (Quante Volte), canta (Giovinastro, Nessuno), suona (Cambio sesso per un po’) e diverte sempre (Il mondo è come te lo metti in testa, Ti Ammazzo).
Alla fine esce un disco tanto semplice e diretto quanto poco fruibile ai più: la comicità di Truppi può non essere apprezzata, può essere considerata  eccessivamente grottesca o greve o nonsense da chi non ha il coraggio, se non proprio la capacità, di ridere senza per forza avere un secondo fine morale. Se questo disco fosse uscito negli anni ’70 sarebbe stato accusato di disimpegno da parte di un cantautore, come è successo a De Gregori e Bennato, ma nel suo piccolo, fa molto di più un album come questo che il solito polpettone di ideologie e buonismi del cantautore “classico” di cui il sottosuolo della nostra città sembra non poter fare a meno.
Per i più attenti è una pietra miliare, geniale ed innovativo. Promessa stramantenuta dal disco precedente!
F.B.

Autore: Giovanni Truppi
Titolo: Il mondo è come te lo metti in testa
Etichetta: I Miracoli/Jaba Jaba

TRACKLISTIl mondo è come te lo metti in testa
1 – Il mondo è come te lo metti in testa
2 – Ti voglio bene Sabino
3 – Cambio sesso per un po’
4 – La domenica
5 – Quante volte
6 – Come una cacca secca
7 – Giovinastro
8 – Ti ammazzo
9 – Amici nello spazio
10 – I cinesi
11 – Nessuno
12 – 19 gennaio
13 – La lotta contro la paura
14 – Il mondo è come te lo metti in testa. Ripresa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *