Welcome To Hell: Venom Inc + (Vader) + Divine Chaos + Witches @ Traffic Club

La vita, si sa, può sempre concedere delle seconde occasioni: i Venom Inc. ce lo hanno voluto dimostrare ampiamente. Già ad inizio anno il duo Dolan/Mantas è venuto nella capitale per esibirsi con il progetto M-pire of Evil. Nonostante ciò, con lo pseudonimo Venom Inc. la coppia è voluta tornare a poco tempo di distanza da questa performance, accompagnata da un altro membro fondatore della storica band inglese: il batterista Abbadon.

La serata prevede in scaletta anche i Vader, i quali devono suonare uno speciale set che prevede in scaletta pezzi del primo disco della band “The Ultimate Incarnation”(1992) . Con grande rammarico però veniamo a sapere, durante la serata, che i polacchi, per problemi relativi agli accordi con il manager ed il locale, non hanno alcuna intenzione di esibirsi. I primi due gruppi, nel frattempo, non si fanno attendere ed il pubblico passa la prima oretta e qualcosa in compagnia, appunto, di Witches e Divine Chaos. Diciamo che ci siamo trovati davanti ad un’esibizione non estremamente coinvolgente, infatti la maggior parte dei partecipanti ha dimostrato impazienza per il live della storica band un tempo capitanata da Cronos.  I gruppi di supporto dimostrano di avere idee molto vicine al Thrash/Death e di avere una concezione più moderna rispetto agli standard della serata, quindi passano velocemente e senza molto acclamazione.

Quando è iniziato il live dei Venom inc. non avrei mai creduto di trovarmi davanti a dei “Venom” così energici. Hanno fatto rivivere a tutti i paganti dei grandi ricordi, pescando prevalentemente dal repertorio dei loro primi tre dischi : senza farsi attendere troppo non hanno esitato a sfornare brani da “Welcome to Hell” (1981), “Black Metal” (1982) e “At War With Satan” (1984). Abbiamo, infatti, udito pezzi come “Live like an angel”, “Poison”, “Sons of Satan”, “Schizo”, “WarHead”e molti altri ancora. Brano di chiusura è stato il classicone intramontabile, preceduto da “Black Metal”, che risponde al nome di “Witching Hour”. Non sono stati risparmiati pezzi composti negli anni nei quali Tony Dolan è stato nella formazione originale, tra i questi “Prime Evil”. Insomma, i fan non potevano veramente chiedere di meglio, inoltre sia Mantas che Abbadon hanno  voluto mostrarci una buona dose di emotività nell’esecuzione dei brani, elemento che  ha aiutato a far cantare il pubblico fino a fine concerto.

Cosa dire dopo questo concerto? Chi non è lontano dalla scena metal italiana sa che ormai vengono presentate per “Venom” due band. Vi è però una grande differenza: quella con lo pseudonimo “Inc.” ha dimostrato un’umiltà ed un’attenzione per i fan unica, oltre a una grande performance completa per deu terzi della line-up originale. L’altra, comprendente della formazione originale solo Cronos, non ha dimostrato nessuna di queste due cose durante il concerto dell’anno scorso a Pisa. Qual è la band più vicina a quella che nell’84 faceva urlare una folla accanita all’Hammersmith di Londra?

.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *