Waiting for… The Zen Circus

Aspettando sabato sera 1 luglio per il live esplosivo all’ Ex Dogana de La Terza Guerra Mondiale, facciamo il punto delle situazione e qualche pronostico!

I The Zen Circus, strofe taglienti tra i denti, chitarre cariche di riff e ritmiche d’assalto sono pronti per un live da trincea per la data romana del loro Tour Estivo 2017  negli spazi dell’ Ex Dogana, all’ interno della cornice di Viteculture Festival.

Un po’ briganti sognatori, un po’ cinici e provocatori,  tra ruggini e sentimenti, a modo loro e con estrema sincerità, gli Zen raccontano da lustri il disagio nel vivere una realtà  che ci aliena, ci distoglie dalle mete importanti e dai sentimenti autentici, evitando sterili quadri clinici da sociologia spicciola ma conservando  il  retrogusto acre dell’ inarrendevole combattente.

Poche parole per raccontare una band che ha alle spalle chilometri di tour e troppa energia per un solo giro di concerti: il Tour Estivo 2017, che porta live l’ultimo disco La Terza Guerra Mondiale ( Tempesta Dischi, 2016), si allaccia immediatamente a quello indoor che ha numeri da capogiro, sfiorati i 30 mila biglietti e stregato anche il popolo del Mi Ami Festival.

Un live, quello dei The Zen Circus che non abbiamo mai sognato di perdere! E nel tour indoor Cheap Sound ha fatto un vero e proprio bollettino di guerra da due palchi contemporanei per La  Terza Guerra Mondiale, con gli eroici Attilio Giuliani dall’ Alcatraz di Milano e Tommaso Orioli da Roma all’Atlantico per un doppio report bomba. Questo dicevano ad inizio serata nel doppio report e gallery di Cheap Sound che trovate qui.

«Abbiamo visto e vissuto la terza guerra mondiale dal vivo, in due posti e in due giorni diversi, ma non siamo mai stati così a vicini. Roma e Milano, ed in mezzo, non è un caso: la loro Pisa»

img_1658-copy-copy

Queste le emozioni del live dei The Zen Circus, ruvidi, a volte scomodi ma semplicemente fedeli a loro stessi in 18 anni di carriera  e più di 8 dischi hanno lasciato in musica tracce di una generazione ancora aggrappata a certi ideali, a certi sentimenti, a tinte acide e sanguigne, quelle che più si attaccano all’anima ( che non conta!).

Non da meno l’ ultimo disco, La Terza Guerra Mondiale, che trovate recensito qui da Tommaso Orioli, dai suoni più power pop e gli arrangiamenti piu melodici a raccontare lo scenario di una ipotetica guerra mondiale per ritrovare qualcosa di autentico, col solito spirito degli Zen dove nessuno punto il dito ma ci riflette su!

Del loro disco avevamo chiesto a loro in una intervista subito dopo l’uscita …. eccola qui!

Manca solo vederli live questo sabato 1 luglio all’ex Dogana all’interno del Vite  Culture Festival! Noi saremo schierati con gli Zen Circus per la Terza Guerra Mondiale! Intanto sbirciamo qualche pronostico di scaletta!

Questa la Set list dello scorso giugno a Pisa, dove non mancarono le ospitate…che succederà  nella notte romana?

La terza guerra mondiale

Canzone contro la natura

Vent’anni

Non voglio ballare

Andate tutti affanculo

Ilenia

L’amorale

Pisa merda

I qualunquisti

L’anima non conta

Terrorista

Vecchi senza esperienza

Mexican Requiem

Ragazzo eroe

La democrazia semplicemente non funziona

Figlio di puttana

Canzone di Natale

L’egoista

La fine dei vent’anni

(Motta cover) (with Motta)

Fino a spaccarti due o tre denti (with Motta)

San Salvario

Nati per subire

Viva

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *