Il Mondo della musica perde per sempre Whit

Non sono mai stato un tipo troppo riservato dal punto di vista musicale.
Non ho mai mostrato timidezza nel palesare le mie preferenze, per gruppi o solisti, anche quelle più astruse; ma una me la sono sempre tenuta per me.
Se è vero che non esiste solo il Rock e se è vero che una bella voce incanta comunque, anche io, come molti di voi sono certo, adoro Whitney Houston.
Amo la sua voce, le sue canzoni (quelle che hanno scalato playlist e billboard per oltre due decenni), tanto da farne un simbolo, il mio unico simbolo, di perfezionismo vocale.
Amo, senza ritegno, la donna. La stessa che, nelle quasi perfette condizioni psicofisiche di questi ultimi anni, a ogni esecuzione di I will always love you, si fermava e rideva del fatto che quella canzone, adesso, era un’impresa fin troppo difficile dopo gli anni della tossicodipendenza e i disturbi alimentari.
Ma parliamo anche della stessa donna che la primavera scorsa veniva trasferita, di nuovo, nell’ennesimo centro di riabilitazione.

E’ forse questa recente ricaduta (e relative conseguenze) che ha portato, ieri pomeriggio a un’ora imprecisata precedente alle 16.00, mrs. Houston al decesso, all’età di 48 anni.

La notizia viene riferita dalla sua pierre, Kristen Foster, che sottolinea come le cause della dipartita siano ancora sconosciute e che la suite del quarto piano dell’Hilton Hotel di Beverly Hills è ancora sotto sequestro della polizia, intenta nelle indagini.

Ora, non voglio fare lo sproloquio su quanto la Houston sia stata una brava cantante, tanto meno dargli addosso per gli anni della tossicodipendenza. Voglio solo augurarmi che, da questi eventi, qualcuno possa trarre lezioni importanti: in cosa imitare i grandi, in cosa no.

Whitney Houston muore l’11 Febbraio 2012, la vigilia dei Grammy Awards, la stessa vigilia che già anni prima visse, magari con la classica tensione di una candidata alla vittoria. Vittoria che raggiungerà per ben sei volte in ventisette anni di carriera.
#RIPWhit

 

R’n’R

 

G.F.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *